Il Castello Scaligero di Torri del Benaco: informazioni, orari e prezzi
I

Il Castello Scaligero di Torri del Benaco ed il suo museo rappresenta la principale attrazione del paesino sulla sponda veronese del Lago di Garda.

Home Musei Il Castello Scaligero di Torri del Benaco: informazioni, orari e prezzi

Se dovete programmare un viaggio o una tappa del vostro itinerario a Torri del Benaco il Castello Scaligero è sicuramente la prima attrazione turistica che dovete cerchiare in rosso.

A Torri, infatti, oltre alle sue spiagge e al suo meraviglioso lungolago, potete immergervi nel passato, salire sulla torre principale oltre che sulle sue mura fortificate, e godere del panorama del Lago di Garda da un punto di vista privilegiato. Toscolano Maderno, Gardone Riviera, il golfo di Salò, la Rocca di Manerba, Sirmione, Gargnano, addirittura Limone: questi sono i paesi che si possono osservare da qui!

La storia del Castello Scaligero di Torri del Benaco

Prima di parlare di cosa potete trovare al suo interno c’è da “studiare” la sua storia, perché il Castello Scaligero di Torri del Benaco sembra essere posto storicamente a circa 4000 anni fa (siamo nel 2000 a.c.), probabilmente in concomitanza con i primi insediamenti umani nel territorio. Nell zona sono state trovate infatti incisioni rupestri che testimoniano l’antico popolamento di Torri, incisioni che si trovano all’interno di una sala dedicata del museo posto all’interno del Castello Scaligero.

Tulles (questo il suo nome romano) è stato anche territorio sotto l’egidia dell’Impero di cui si possono trovare numerose testimonianze, a partire delle numerose monete rinvenute. Dopo la caduta dell’impero Torri è passata dai Goti, dai Longobardi e dagli Ungari, proprio da quest’ultimi (nel 905) il re d’allora fece costruire le mura della cittadella che un tempo si estendevano per tutto il paesino. Ad oggi, invece, le mura non ci sono più, ma rimane la loro testimonianza grazie alla Torre Berengario, visibile in piazza della Chiesa.

Nel tempo i passaggi delle vare potenze mondiali lasciarono il segno e la loro testimonianza: si passa dalle truppe di Barbarossa agli Scaligeri, dai Visconti fino alla Repubblica di Venezia, per poi arrivare al 1797 con l’approdo di Napoleone, arrivato a Torri per scontrarsi contro gli Austriaci.

Proprio con gli Scaligeri il castello venne fortificato e rialzato, andando a ricostruire le fondamenta sulle rovine di una struttura preesistente. Torri entrò a far parte, dopo varie vicissitudini storiche, al Regno d’Italia ed il suo Castello visse anni di pace ma anche di incuria e dimenticanza, che poi furono corrette da una fase di ristrutturazione a verso la fine degli anni 70′.

Cosa vedere al Castello Scaligero di Torri del Benaco

Dopo avervi spiegato la storia, dovuta, di questo magnifico paese e del suo Castello è ora di aprire le porte e scoprire cosa potrete vedere e visitare.

All’ingresso, ovvero dove si trova la biglietteria, si può subito notare un antico pozzo in marmo verso il centro, sovrastata da una torre (il mastio). La biglietteria invece era la zona della lavanderia dove venivano, appunto, lavati i panni con le tecniche dell’epoca.

Seguendo la “mappa” del museo si passano attraverso diverse sale e, verso la fine del percorso, si sale sulle mura e sulla torre principale. Le sale principali in ordine di visita sono infatti le seguenti:

  • Sala dei Calafati: si osserveranno gli attrezzi usati all’epoca per al costruzione di barche da pesca.
  • Sala dell’Oliva e del Torchio: il nome dice già tutto in quanto si potrà osservare come venivano lavorate le olive per l’ottenimento dell’olio.
  • La Sala della Pesca: molto carina e piena di reti da pesca utilizzate in passato.
  • La serra dei Limoni: personalmente è la zona che più mi è piaciuta. Entrano nella serra, ovvero la limonaia che viene ancora utilizzata, si potrà osservare un piccolo stagno in entrata con molti pesci rossi e decine di tartarughe d’acqua dolce!
  • Visita alle Mura fortificate e alla Torre principale con vista dall’alto di Torri e del Lago.
  • La Sala degli Antichi: con diverse testimonianze storiche su documenti di carta ufficiali dei diversi periodi storici.
  • La Sala del Plastico: con il plastico di Torri.
  • La Sala delle incisioni rupestri: con le incisioni di un tempo.

Prezzi del Castello e orari

Il Castello è visitabile da inizio aprile fino a fine ottobre con queste fasce orarie, sempre considerando che il giorno di chiusura è il lunedì:

Dal 1 aprile al 15 giugno: dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18.
Dal 16 giugno al 15 settembre: dalle 9,30 alle 13 e dalle 16 alle 19,30.
Dal 16 settembre al 31 ottobre: dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18.

Il costo del biglietto è di 5 euro per gli adulti, 3 euro ridotto per anziani oltre i sessanta anni e 1 euro per i bambini fino ai 14 anni.

Le torri del Castello

Come già spiegato bisogna ricordare che il Castello era una parte della fortezza che era stata eretta nell’antichità con le mura che circondavano Torri del Benaco. Nel tempo le mura sono state demolite, ma rimane una testimonianza grazie alla Torre di Berengario e alla Torre dell’Orologio: Torri a tutti gli effetti.

Michele
Ciao lettore 🙂 Sono Michele, ho 30 anni e vivo sul Lago di Garda, più precisamente a Toscolano Maderno. La passione e la bellezza di questo territorio mi hanno spinto a condividere con voi i miei migliori consigli e tutto ciò che riguarda il Lago di Garda. Se avete bisogno di informazioni ulteriori commentate l'articolo e vi risponderò in 24 ore! Buon viaggio a tutti!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli:

Giro in battello Riva-Limone- Malcesine

Immergersi nelle acque del Lago di Garda vuol dire non solo tuffarsi dalla spiaggia, ma anche assaporare l'atmosfera di attraversarlo e ritrovarsi...

Da Milano al Lago di Garda: gita del weekend

Un soggiorno nella natura dell'agriturismo sul Garda diventa un'occasione per vivere il lago, le coltivazioni, la natura e i prodotti tipici del territorio.

Agriturismo sul Lago di Garda: la vacanza nella natura

Un soggiorno nella natura dell'agriturismo sul Garda diventa un'occasione per vivere il lago, le coltivazioni, la natura e i prodotti tipici del territorio.

Le Passeggiate lungolago (e non) del Lago Garda

Lungo il lago di Garda, ci si fa trascinare dalle bellissime passeggiate... ovunque? Ci sono dei luoghi magici che vale la pena di scoprire camminando!
Booking.com