Giro del Lago di Garda: la percorrenza in bici o in auto
G

Il tour del Garda in bici o in automobile, può diventare un divertente modo per vedere tutti i panorami disponibili, e magari scegliere qualche tappa interessante!

Home Risorse di Viaggio Giro del Lago di Garda: la percorrenza in bici o in auto

Se desideri scoprire tutto il perimetro del Lago di Garda puoi percorrere la costa in un percorso ad anello, che ti porterà lungo un itinerario veramente unico con paesaggi tutti diversi! 

Sicuramente può essere faticoso se sei in bici e non sei allenato, quindi valuta bene come percorrere i circa 140 chilometri del giro del Garda, magari con delle interessanti tappe di riposo ed un itinerario su più giorni…

Il giro ad anello che parte dall’Alto Garda: da dove partire e che tragitto seguire

Il consiglio è quello di progettare il giro del Lago di Garda in una stagione intermedia, primavera o autunno, per evitare il caldo estivo (ed il suo grande traffico) oppure l’inverno troppo freddo. È anche vero che il clima del Benaco è mite, quindi potrebbe riservare un percorso interessante anche nei mesi più freddi.

In ogni caso la circumnavigazione del lago potrebbe partire dalla zona settentrionale, per scoprirne le strade che costeggiano le acque. Sicuramente è un percorso ondulato, con alcune gallerie nel tragitto e, per questo, sono consigliati sempre giacche catarifrangenti e luci a portata di mano. 

Ovviamente, da buoni ciclisti navigati (e chi vi scrive è un appassionato) è inutile sottolineare che la partenza deve sempre essere programmata per la mattina, ovvero quando il vento soffia da nord verso sud, quindi a favore se decidiamo di partire da Riva del Garda, per un giro del lago in senso orario. Il celebre Pelèr aiuta a cominciare un percorso verso la pista ciclabile di Torbole, poi verso la sponda del lago svoltando a destra dopo il centro abitato (direzione Verona). 

Qui si percorre un bel tragitto con dei borghi suggestivi che iniziano da Malcesine e continuano con Brenzone sul Garda, Torri del Benaco, Garda, Bardolino e Lazise. Si prosegue verso Peschiera del Garda, superando 4 ponti e riprendendo poi la costa del lago in direzione occidentale. Ovviamente vi ricordo, come ho fatto prima, che le soste nei vari borghi sono a vostro piacimento con pernottamenti qua e là utili ad un processo di scoperta dei luoghi.

Dopo Peschiera si entra nella provincia di Brescia dove si incontrano i borghi di Sirmione e Desenzano, al centro meridionale del nostro anello. A questo punto, partendo da Riva del Garda, si sono percorsi circa 75km (tutti pianeggianti) che per un appassionato di ciclismo sono assolutamente normali in singola uscita. Tempi di percorrenza? Dipende dalle fermate, dal ritmo e dal traffico: verosimilmente 4 ore.

Il giro del Garda in bici continua seguendo le indicazioni per Salò, e poi raggiungendo con la segnaletica una scorciatoia verso Cunettone e poi la località Zette. Qui ci attende una bella discesa e un panorama unico sul Golfo di Salò.

La strada riprende seguendo le indicazioni verso la statale, in direzione Trento, e si può percorrere fino ad attraversare Gardone Riviera, Toscolano Maderno, Gargnano e Limone sul Garda. Questa località presenta una splendida pista ciclabile sospesa sul lago, veramente degna di un finale… prima di chiudere l’anello tornando a Riva del Garda! 

Il tour del Garda in bici si può fare anche al contrario, partendo da Riva e dirigendosi da Limone verso il sud del lago, e poi di nuovo risalendo dalla sponda veneta. Al di là del vento a favore, la scelta è dovuta anche al tipo di paesaggi e tragitto da affrontare nel momento di maggiori forze.

Lunghezza del percorso e tempi di percorrenza

Ricordiamo che il Garda è il lago più grande d’Italia, e quindi il chilometraggio è abbastanza elevato.

  • Lunghezza: 150 km circa
  • Durata: 7 ore circa in bicicletta. 3 ore circa in automobile (se non c’è traffico)
  • Punto più alto: circa 440 metri 
  • Punto più basso: 50 m 

Il tour del Garda in auto, la Gardesana e i panorami

Le sponde del Benaco sono belle anche passeggiando ma sicuramente, per vederle tutte, l’alternativa alla bici è quella in automobile. Ci si può avventurare lungo le strade che costeggiano il lago, per circa 150 chilometri – da percorrere in una sola giornata, oppure con tappe per dormire in qualche località. 

Il giro del Lago di Garda oggi è possibile grazie alla strada che lo circonda, e si divide in Gardesana Occidentale e Gardesana Orientale. La parte ovest è la più suggestiva e tortuosa, mentre la Gardesana est permette di guidare in tranquillità. 

Partendo da Peschiera del Garda si può percorrere la strada verso Sirmione e poi Desenzano, salendo verso Salò, poi Toscolano Maderno (un tratto più trafficato), Gargnano. Quando si arriva verso Tremosine, si può anche passare vicino la Strada della Forra, che ha percorso anche 007 (Daniel Craig) nel film Quantum of Solace – è qui che James Bond fa uno dei suoi classici inseguimenti in Aston Martin!

L’obiettivo è quello di raggiungere per una tappa Tremosine, uno dei borghi più belli d’Italia e da cui si gode un panorama spettacolare a 350 metri di altezza sul lago!

Si continua poi per Limone sul Garda, per poi spostarsi nei pressi di Riva del Garda dove si potrebbe deviare anche verso il lago di Tenno e le Cascate di Varone

Dalla punta settentrionale la strada riscende verso Nago-Torbole, poi lungo la Riviera degli Olivi fino a Malcesine, Torri del Benaco e la Punta San Vigilio – da visitare assolutamente. Il tour prosegue verso Bardolino e i suoi vigneti, Lazise e di nuovo a Peschiera!

Ricordiamo che nei pressi di Peschiera del Garda, ci sono dei parchi divertimento, e in alcuni orari potrebbe esserci del traffico. 

Insomma, con qualsiasi mezzo lo vogliate percorrere, l’anello del Garda è sempre uno spettacolo; diventa essenziale programmare le tappe, però, se volete fare delle soste interessanti. C’è solo da scegliere… cosa preferite, Garda Ovest, Est, Nord, Sud?

Michele
Ciao lettore 🙂 Sono Michele, ho 30 anni e vivo sul Lago di Garda, più precisamente a Toscolano Maderno. La passione e la bellezza di questo territorio mi hanno spinto a condividere con voi i miei migliori consigli e tutto ciò che riguarda il Lago di Garda. Se avete bisogno di informazioni ulteriori commentate l'articolo e vi risponderò in 24 ore! Buon viaggio a tutti!

4 COMMENTS

    • Ciao Antonello, le gallerie della parte nord-ovest sono molto strette, in generale non sono l’ideale per farle in bici ma c’è sempre molta gente che nei weekend le percorre quindi non saresti solo!

  1. Ciao Michele io ho fatto il giro del lago da Lazise a Desenzano ecc ecc nel 1988 , è cambiato il.percorso ? Le gallerie sono illuminate meglio ? Ciao grazie per la risposta .

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli:

Aqualux SPA a Bardolino

Non solo piscine, relax e benessere. L'Aqualux è un hotel di lusso che ti promette un'esperienza indimenticabile se cerchi un soggiorno tra...

Cosa vedere a Castelnuovo del Garda

Per una visita di una giornata oppure come base per un weekend, Castelnuovo è perfetta. Immerso tra vigneti e uliveti, tra Peschiera...

Le Ville romane sul Lago di Garda

Nel territorio gardesano, per chi arriva in vacanza o per una visita del territorio, non può certo trascurare le testimonianze storiche. Questo...

Lago d’Idro: a due passi dal Garda

Oltre il Garda, ecco un lago bellissimo che incanta col suo paesaggio. Il lago d'Idro lo puoi scoprire nell'entroterra, un fiordo sotto le Alpi tra borghi e boschi.
Booking.com