Cosa vedere a Limone sul Garda
C

Sei a Limone sul Garda e vuoi sapere cosa c'è da vedere? Se hai poco tempo puoi fare un tour veloce, oppure un giro ampio nei dintorni per il fine settimana o una vacanza...

Home Cosa Vedere Cosa vedere a Limone sul Garda

Quando l’aroma degli agrumi ti avvolge, e ti trovi sul Garda, probabilmente sei a Limone. Il paese più a nord della sponda bresciana, e anche il più settentrionale in assoluto dove si coltivano i limoni. Un borgo antico e suggestivo, che riserva diverse cose da fare e luoghi da visitare, per chi si trova in gita oppure in vacanza.

Se ti chiedi cosa vedere a Limone sul Garda, sappi che troverai diverse occasioni per conoscere questo paese, sia dal punto di vista artistico sia naturalistico. La storia di Limone racconta di una località ricca di bellezza, armonia del clima, testimonianze di un lavoro secolare sul lago; un luogo per secoli quasi “incontaminato”, dato che fino alla costruzione della strada Gardesana (1932), questo borgo è rimasto isolato dal nord del lago. Oggi, invece, è diventato una meta turistica molto nota e facilmente raggiungibile; da visitare nei suoi tanti punti di vista…

Le limonaie dove si coltivavano agrumi

Un tempo si raggiungeva solo via barca, e tuttora è piacevole arrivarci con il battello per osservare da lontano il paesaggio, costellato da limonaie e coltivazioni di agrumi – un sostegno dell’economia locale per secoli.

Si tratta di strutture storiche tra cui spicca la Limonaia del Castèlfamosa per la sua dimensione e lo stato di conservazione; è stata fondata nel Seicento con serre in pietra e legno, espanse nel Settecento per migliorare le coltivazioni degli agrumi – così protetti dai venti invernali. Oltre a quella del Castèl, sono varie le strutture a pilastri per la coltura del limone, osservate già da Goethe alla fine del Settecento, e sempre più diffuse a Limone sul Garda fino al dopoguerra. La storia delle limonaie la puoi scoprire nel museo del Castèl, dove viene spiegata da pannelli e reperti la cultura degli agrumeti, e la loro distribuzione dalle sponde del lago fino al nord Europa.

Il centro storico e le chiese antiche di Limone 

Mentre si ammirano con il primo colpo d’occhio le limonaie, ci si può rendere conto della bellezza del borgo antico e scoprire cosa vedere a Limone sul Garda dal punto di vista storico-artistico.

Gli angoli più tipici di questo abitato sono i vicoli, le case antiche con piccoli portoni, balconcini, finestrelle e scalette, i portici… scorci che ricordano il passato ma vivono ancora oggi in una dimensione serena e rilassante per chi li attraversa. La pietra lastrica le strade e crea le mura delle case, spesso ornate da vasi di fiori in diverse stagioni, grazie al microclima di Limone.

Tra le bellezze di questa località, c’è una splendida e piccola chiesetta rinascimentale, San Rocco a Limone, che propone anche una vista spettacolare sul lago, essendo situata in un luogo alto e panoramico del borgo. Ci si può arrivare dal lungolago, percorrendo una strada in salita fino a questo scenografico sito.

Un’altra chiesa importante dal punto di vista storico è San Pietro in Oliveto, la più antica del borgo, che risale addirittura al IX secolo – epoca in cui era presente un complesso monastero più grande della piccola chiesa di oggi. L’architettura romanica del XII secolo nasconde all’interno degli affreschi meravigliosi con San Pietro e una Crocifissione; risalenti allo stesso secolo, con alcuni “brani” fino al XIV, sono stati restaurati a più riprese dagli anni Novanta al 2006.

Fino alla Prima Guerra Mondiale, a San Pietro era presente anche un campanile, che fu abbattuto per evitare che venisse preso di mira dai cannoni nemici.

Locali sul lungolago ed eventi a Limone sul Garda 

Pensando a cosa vedere a Limone, ci si può anche orientare in base a quale stagione si sta vivendo, dato che soprattutto in estate si inaugurano nel borgo anche diverse manifestazioni, oltre alla scelta di serate nei locali privati.

Innanzitutto, è bene ricordare che già di per sé il lungolago e il porticciolo sono dei luoghi dove molte sono le iniziative turistiche tra spiagge, ristoranti, negozi.

Diverse sono le serate e le manifestazioni organizzate a Limone sul Garda, spesso sul lungolago Marconi e nel centro storico, con animazione per adulti e bambini, esposizioni d’arte, degustazioni di limoncello e piatti tipici. In luglio e agosto sono frequenti anche le serate musicali, dal rock alle colonne sonore, musica folk, black, classica, oppure feste con spettacolari fuochi d’artificio. Una particolarità è data dalla Festa Alpina, che comprende escursioni in montagna per chi aderisce al percorso nei dintorni.

Tra gli eventi che si svolgono a Limone, alcune serate sono note per riuscire a creare un connubio tra musica e specialità gastronomiche del luogo. Vengono organizzati dei percorsi nei vicoli del borgo che permettono di conoscere le tradizioni gardesane a tavola, godendo della musica e dell’animazione. Potrai assaporare i piatti tipici di pesce del Garda, i formaggi locali, lo spiedo bresciano, la squisita polenta “cunsa” (formaggio, burro, aole salate) e le etichette di vini del territorio più rinomati e genuini.

La pista ciclabile di Limone: cosa fare se ami lo sport!

Si tratta del nuovo percorso, inaugurato nel 2018: si tratta della Ciclovia del Garda che si dirama con una strada ciclabile e pedonale in questo tratto gardesano.

Quello di Limone è uno dei tanti percorsi che pian piano stanno circondando il lago, e dopo le zone trentine, su questa sponda bresciana è stata realizzata la pista che per 2 chilometri consente di percorrere il territorio di Limone sul Garda in bici. 

Una pista ciclabile a sbalzo sul lago, che ti concede anche di godere di uno scenario spettacolare, guardando in sella alla bicicletta il Monte Baldo, le cime del Trentino, e un paesaggio unico di bellezza come il Garda sa offrire.

Sempre per chi ama la natura, ci sono luoghi da visitare nei dintorni del borgo, soprattutto se rimani a Limone più di un fine settimana. Come la Spiaggia della Fonte Torrente San Giovanni, un luogo perfetto per pic-nic e tintarelle sul lago; ci trovi anche un campo da beach volley e una scuoladi surf. Il paesaggio è rilassante ma, nello stesso tempo, sono tante le persone che frequentano la spiaggia della Fonte Torrente, così come quella Cola, in modo da renderlo un luogo dinamico e vivace.

Anche il Parco Villa Boghi è un sito naturalistico da vedere a Limone sul Garda; qui nel verde spicca l’edificio della villa, chiamata “la Casetta”, costruita agli inizi del Novecento. Un luogo bello, ambito come dimora anche durante la Seconda Guerra Mondiale sia dalle truppe tedesche sia dagli esponenti della Repubblica di Salò. Fu anche una sede dell’Officina X della FIAT nel ’44 e dal 2004 è diventata sede del Municipio, in cui si può godere di un grande parco aperto al pubblico fino alle 20.00. Potrai passeggiare tra una limonaia, aiuole, vialetti, piantagioni di agrumi, olivi, palme, cipressi e alcuni piante esotiche che per nulla stonano nel paesaggio gardesano.

Museo del Turismo e Mostra dell’Olio

Per chi vuole saperne di più sul territorio, uno tra i luoghi istituzionali da visitare a Limone sul Garda, è il singolare Museo del Turismo, che documenta al meglio tutti i cambiamenti avvenuti nel borgo dopo che si è aperta la Gardesana, e Limone non è più stato un paese “isolato”. 

Sembra strano, ma questa condizione, contemporanea ai tanti cambiamenti economici e sociali avvenuti in tutta Italia, ha meritato un’esposizione allestita nella sede dell’ex Palazzo Comunale, noto ora come Museo del Turismo. Trovi sale con manifesti, calendari, guide di viaggio, anche souvenir e ricordi dedicati alla figura del missionario San Daniele Comboni. 

Inoltre, una scoperta scientifica interessante è tutta da conoscere: in alcuni abitanti di Limone sul Garda negli anni Settanta è stata trovata l’Apoliproteina A1-Milano, una mutazione genetica benefica della proteina originale, in grado di prevenire patologie cardiovascolari e condizioni di infarto (è associata alla rimozione del colesterolo in eccesso nei tessuti periferici).

Oltre a questo museo, si può andare a vedere la Mostra dell’Olio, che spiega bene questa coltivazione tipica del gardesano (olio spremuto a freddo con macine in pietra); uno spazio in un antico frantoio, curato dalla Cooperativa Possidenti Oliveti di Limone.

Michele
Ciao lettore 🙂 Sono Michele, ho 30 anni e vivo sul Lago di Garda, più precisamente a Toscolano Maderno. La passione e la bellezza di questo territorio mi hanno spinto a condividere con voi i miei migliori consigli e tutto ciò che riguarda il Lago di Garda. Se avete bisogno di informazioni ulteriori commentate l'articolo e vi risponderò in 24 ore! Buon viaggio a tutti!

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Castello di Soiano

Il Castello di Soiano del Lago domina il borgo e permette il panorama sulla Valtenesi. Costruito nel X secolo contro le invasioni, è un gioiello da visitare...

Castello di Bardolino

Tra i castelli del Garda, quello di Bardolino è quasi scomparso, ma testimoniano un antico sistema difensivo due torri e due porte d'ingresso al borgo.

Latest Posts

Castello di Soiano

Il Castello di Soiano del Lago domina il borgo e permette il panorama sulla Valtenesi. Costruito nel X secolo contro le invasioni, è un gioiello da visitare...

Castello di Bardolino

Tra i castelli del Garda, quello di Bardolino è quasi scomparso, ma testimoniano un antico sistema difensivo due torri e due porte d'ingresso al borgo.

Castello di Malcesine

Un antico castello scaligero, che mostra la sua storia dal V al XIII secolo, e il suo meraviglioso panorama sul Garda, sopratutto dalla torre e dal Rivellino!

Castello di Desenzano del Garda

Nella sponda meridionale del Garda sorge questo antico Castello di Desenzano, oggi restaurato al meglio tra torri e mura merlate, dopo secoli di abbandono.